Il Ciclismo Danneggia la Prostata?

Il ciclismo, uno sport pericoloso per la sessualità maschile? La lettura di vari studi potrebbero far pensare sulle conseguenze sessuali allarmanti di questo sport.

Nel 2007, uno studio specifico concludeva: Attenzione ai disturbi causati da ciclismo, come la disfunzione erettile, la compressione del nervo pudendo (chiamata sindrome di Alcock), la prostatite e l’elevazione del PSA. Possono verificarsi anche lesioni che possono provocare altri disturbi come il terzo testicolo o la borsite.

Riguardo alla disfunzione erettile la Dr. Desvaux, sessuologa, spiega l’insorgenza della disfunzione erettile a seguito di un’intensa e prolungata attività ciclistica:

“Avviene una percussione tra la sella e le ossa del bacino dove si trova il canale di Alcock, un canale attraverso il quale passa l’arteria e il nervo pudendo che servono a provocare l’erezione. Quindi, se i nervi e le arterie sono bloccati troppo a lungo e troppo spesso, questo può portare a lesioni e quindi alla disfunzione erettile “.

Una meta-analisi a partire dal 2005 aveva raccolto gli studi condotti tra il 1999 e il 2004 per riepilogare le correlazioni tra i ciclisti e la disfunzione erettile. Gli studi concludono che la compressione del perineo e delle arterie vascolarizzanti del pene, portano ad una diminuzione della perfusione e danni all’endotelio (strato interno dell’arteria a contatto con il sangue).

Un altro studio, pubblicato nel 2007 dimostra che andare in bicicletta può provocare un trauma perineale e un trauma del perineo che può secondariamente causare disfunzione erettile (raggiungendo l’endotelio, il nervo pudendo e i corpi cavernosi del pene).

“Il primo segnale è spesso una difficoltà ad urinare, spiega il Dr Desvaux. I ciclisti professionisti sono consapevoli di questo problema, accompagnato da una sensazione di non sentire il pene. Quindi, anche se si tratta di ciclismo amatoriale, qualsiasi segnale che si avverte sulla sensibilità del pene dovrebbe essere un indizio di eccessiva compressione della zona ed è forse il caso di prenderci delle pause.

Igroma e terzo testicolo

Altre lesioni possono verificarsi in bicicletta dopo una pratica intensiva (più di 10.000 chilometri all’anno). Il Dr. Menuet, un medico dello sport, ha dedicato numerosi articoli di impatto sul ciclismo e la correlazione sul perineo e la sessualità; Sono disponibili sul suo sito web pubblicazioni in francese sulla medicina dello sport.

La borsite è infiammazione di una borsa, un cuscino che protegge i tendini vicino alla tuberosità ischiatica, un osso situato nelle ossa del bacino, tra scroto e l’ano. La compressione ripetuta provoca gonfiore che provoca dolore. La borsite può essere diagnosticata e curata rapidamente con un’infiltrazione di corticosteroidi che nella maggior parte dei casi può essere sufficiente, ma se questo non è il caso, è necessario un intervento chirurgico per rimuovere l’igroma.

Il terzo testicolo è un altro problema simile, dove la borsa raggiunge le dimensioni di un testicolo, a volte di più. Essa si verifica in ciclisti sottoposti a grossi sforzi e molto pesanti o carichi. Il terzo testicolo è un nodulo solido, che non contiene il liquido, a differenza della borsite. La sua dimensione può ostacolare il ciclismo, rendendo il sedersi sulla sella e il pedalare piuttosto difficile e doloroso. Il trattamento è con anti-infiammatori e chirurgia se gli anti-infiammatori sono insufficienti, dice il Dott Desvaux.

La Prostata e il Ciclismo

Un’altro problema di salute potenzialmente correlato al ciclismo è la prostatite. Il problema non è causato direttamente, ma può venir fuori a causa del ridotto afflusso sanguigno alla prostata. Ad ogni modo la prostatite non si sviluppa “nei ciclisti della Domenica”.

Secondo il dottor Menuet, il PSA, l’antigene prostatico specifico solitamente misurato per individuare un possibile cancro alla prostata può salire anche a causa della compressione della prostata durante la pedalata. Si raccomanda pertanto di attendere un periodo di giorni di riposo dopo aver verificato il PSA.

Nelle donne: intorpidimento, dolore

Nelle donne che praticano il ciclismo, non è stata studiata una correlazione sessuale tipo le difficoltà di intorpidimento o il dolore dalla compressione del nervo pudendo.

Pelle e mucose

A forza di trascorrere tempo in sella, il rischio per il ciclista possono essere causati anche dall’attrito della pelle sulla sella. Dolore nella tuberosità ischiatica, micosi, cisti … abbastanza da voler rinunciare alle nostre due ruote preferite!

Uno studio del 2006 ha mostrato che c’è un’associazione tra la pratica del Ciclismo e le sensazioni nel livello genitale in donne che praticano competizioni ciclistiche. Ma non è stato trovato alcun effetto sulla sessualità e la qualità della vita.

Un ricercatore americano, il dottor Indovina aveva dimostrato che il ciclismo può essere collegato ad alcune forme di movimenti intestinali causati dalla pressione, ma non c’era nessun legame apparente sulla sensibilità del nervo pudendo. Tuttavia, ha concluso che erano necessari ulteriori studi per verificare l’impatto a lungo termine sul nervo e la sessualità.

Prevenire è meglio che curare

Non è necessario abbandonare la bicicletta trascurando l’attività fisica per paura di un ripercussioni sessuali! È tutta una questione di misura e alcuni trucchi consentono di soddisfare la tua passione in modo sicuro.

Per evitare tutti questi problemi, la ricerca si è concentrata sul miglioramento dell’ergonomicità della bicicletta. Diversi tipi di selle e la posizione del ciclista sono state studiate e numerosi studi sono stati pubblicati a riguardo.

Buone notizie da uno studio pubblicato nel 2010 sul Journal of Sexual Medicine. Scegliendo certi tipi di selle e mountain bike, adattando la posizione sulla bici, è abbastanza possibile minimizzare la pressione sulla zona perineale.

Ciò è confermato dal dottor Desvaux: “Ci sono regole per una sana pratica del ciclismo, come procurarsi una  sella adatta, e se non siamo professionisti  adattare il manubrio un po’ indietro. Ogni 10 km inoltre salire in piedi sui pedali per liberare un po’ la pressione. Se si avvertono fastidi consultare il medico dello sport “.

La sella va scelta con cura

In conclusione, la sella ottimale è “ampia” a naso ridotto che consente il corretto posizionamento delle ossa quando ci sediamo su di esso.” Gli studi sulla disfunzione erettile risalente al 2008, raccomanda che la parte posteriore del sedile sia il più ampio della tuberosità ischiatica (le ossa che possono sporgere quando ci si siede), con una sella adatta alla morfologia del ciclista.sella-prostata

Una bici da strada

Gli esperti inoltre consigliano di abbandonare le mountain bike, associate ad un più alto rischio di disfunzione erettile, in favore di bici da strada. Raccomandate anche le biciclette reclinate, pur convenendo che non è una soluzione molto pratica!

Manubrio impostato superiore alla sella

Una corretta regolazione del manubrio sopra la sella, è fondamentale: non c’è bisogno di sembrare ciclisti professionisti. Un manubrio più basso  della sella, è dannoso per la sessualità. Posizionare il manubrio oltre l’altezza della sella è fortemente raccomandato.

In piedi sui pedali

Regolarmente, è importante lasciare la posizione seduta e di alzarsi sui pedali. L’obiettivo? Rilasciare il peso che grava sul perineo, il più spesso possibile, ogni 10 o 15 minuti.

Posted in La Leggendaria, Sessualità | Tagged , | Commenti disabilitati su Il Ciclismo Danneggia la Prostata?

Storia della Bicicletta: Introduzione

Nel 1990 iniziarono a riunirsi ogni anno la ICHC (Conferenza internazionale sulla storia del ciclismo), ogni volta in un diverso paese, la loro intenzione è dare spazio a chi ha voglia di condividere idee nuove e ricerche sulla storia della bicicletta.

Molte sono state le riconciliazioni di idee sulla storia della bicicletta, tante erano sbagliate e pesantemente influenzate dal nazionalismo, molti i miti distrutti. La ICHC considera il veicolo a due ruote la base del ciclismo e del motociclismo.

Storia della Bicicletta: le Origini

storia-della-bicicletta-draisina

Tante sono le invenzioni che ruotano intorno alla bicicletta, tanti i successi che si sono succeduti, tante idee hanno ispirato esperimenti, nessuna idea è associata ad un particolare progetto, nè ad una data storica o ad un personaggio storico del mondo della bicicletta. Talvolta i valori storici delle nuove invenzioni sono stati resi ridicoli, soltanto dopo molto tempo hanno ottenuto la giusta valutazione e importanza. Purtroppo sempre più spesso in momenti importanti non c’è stata la svolta che meritava la storia della bicicletta, tante innovazioni furono dimenticate in fretta, senza alcuna possibilità di lasciare un segno tangibile.

A quanto pare la creazione e l’uso della prima bicicletta è effettivamente da collegare al barone Karl von Drais, un modesto lavoratore statale del Gran Ducato di Baden, Germania. Karl Drais ideò e costruì la “Laufmachine”, nel 1817 fu denominata draisine dalla stampa e soltanto più avanti nel tempo fu definita “velocipede”. Il particolare di maggior rilievo in termini di miglioramento fu l’invenzione e l’aggiunta del manubrio.

Continue reading

Posted in Storia della Bicicletta | Tagged , , | Commenti disabilitati su Storia della Bicicletta: Introduzione

La Leggendaria

 

comunita-collinare-del-friuli

La Leggendaria è nata come una manifestazione cicloturistica con velocità sotto controllo e quindi non a livello agonistico. Una manifestazione aperta a chiunque voglia partecipare che avviene anche su strade sterrate nelle colline del Friuli Venezia Giulia.

La Leggendaria cerca di riprendere le corse antiche, d’epoca, quindi rievoca quel tipo di corse e abbigliamento che esistevano nel ciclismo di qualche di un passato non troppo remoto. E’ possibile partecipare al gruppo storico solamente con abbigliamento e biciclette che risalgono a prima del 1980. Il “gruppo storico” è l’apripista, dopodiché ogni tipo di partecipante con qualsiasi tipo di bicicletta può seguire il gruppo.

La distanza del percorso è di circa 77 kilometri,  con circa 35 km di strada a sterro, ma c’è un altro percorso più breve di 23 kilometri chiamato appunto giro breve che è per le famiglie e i ragazzi partecipanti con ogni altro tipo di bicicletta, non necessariamente storiche.

In entrambe i percorsi è doveroso ricordare che l’uso del casco e del codice della strada deve essere rigorosamente rispettato.

L’organizzazione della corsa ha messo a disposizione un servizio assistenza per la meccanica delle biciclette, dotate di motostaffette d’epoca e per l’assistenza in caso di incidenti o problemi di salute. La premiazione prevede un premio al gruppo o ai gruppi dell’epoca più significativi, al gareggiante più vecchio e a quello che secondo la giuria viene considerato più storico (a seconda della bici utilizzata, dell’abbigliamento etc…).

Questa gara, manifestazione di rievocazione delle corse ciclistiche di una volta si effettua ogni anno ed è possibile reperire informazioni ufficiali sul sito di riferimento:

www.laleggendaria.com

Posted in La Leggendaria | Commenti disabilitati su La Leggendaria